HOME ARCHIVIO INVIA STORIA LINKS I BARBIERI  
 Taglio necessario da Enrico - II Parte
 

Quando sono dentro mi divincolo dalle loro braccia ma in modo piuttosto calmo per non fare brutte figure. Il barbiere ha 60 anni e, tutto sommato, giovanile con un bel paio di baffi e totalmente rasato a zero. Ci guarda tutti e tre ed esclama riferendosi a me: �Immagino che la persona da servire sia lui perch� sulle vostre teste mi sembra ci sia poco da tagliare�. Allora Marco interviene: �Lui e� un nostro caro collega di lavoro... e siamo preoccupati per lui e per le gocce di sudore che versa ogni giorno sotto questo cespuglio di capelli... Cos�  abbiamo deciso di incoraggiarlo un po� visto che e� un ragazzo molto timido. Ha bisogno di un bel taglio di capelli !�.

Il barbiere sghignazzando risponde: �Accidenti che amici che hai�. Si preoccupano per te � vieni dai � accomodati sulla sedia che vediamo di sistemarti�.

Mi sembra di essere Fantozzi !!!. Gambe che mi cedono, perdita della parola, salivazione azzerata e sudore a 1000. Marco mi spinge verso la sedia ed io ormai� accetto la situazione.

Il barbiere intanto sistema gli attrezzi sulla sua mensola. Un paio di pettini, delle forbici con un pettine sulle lame, forbici normali, una macchinetta tagliacapelli e altri pettini.

Io mi siedo sulla sedia, guardo nello specchio ed alle mie spalle, vicini alla sedia ci sono Marco e Giorgio. Il barbiere arriva e si fa strada fra loro. Mette la mantellina, tinta unita rossa. Con le mani mi alza la coda per poter chiudere la mantellina dietro la nuca. Poi rilascia la coda che cade sulla mantellina.

Il barbiere mi guarda allo specchio e poi un sorriso mi dice: �Allora giovanotto � sei comodo �. Io faccio un cenno di s� ed abbozzo un sorriso. A questo punto il barbiere si gira verso Marco e Giorgio ancora intorno alla mia sedia come 2 angeli custodi e chiede: �Allora che gli facciamo al vostro amico. Che mi dite. � mentre afferma questo con le mani afferra la mia coda e se la fa passare fra le mani , la accarezza� Giorgio prende subito la parola : �Faccia una bella pulizia� io direi che li puo� fare come li abbiamo noi. A ZERO�. Io rabbrividisco e dico �Minchia! Noo daiii �, Marco invece ha un�altra idea e dice: �La coda gliela tolga via. Poi gli faccia un taglio molto corto con sfumatura ai lati e dietro, sopra li lasci un po� pi� lunghi � .l� facciamo poi sempre i tempo a tagliarli anche in un secondo momento � .

Marco era stato molto preciso, aveva descritto il taglio con decisione. Il barbiere, mente lui parlava annuiva con la testa come a dargli ragione sul tipo di taglio da fare e nel contempo massaggiava la mia coda, toccava i capelli e questa era una sensazione che mi eccitava tantissimo. Lui sentiva e godeva prendendo al tatto i capelli pregustando gli ultimi attimi della loro vita prima che vengano orribilmente ammazzati dalle sue forbici.  Alla fine il barbiere dallo specchio mi guarda negli occhi e mi dice : �Allora quale dei suoi amici  devo seguire � Corto o Rasato�� Io in un ultimo guizzo di orgoglio e coraggio dico : �nessuno dei due � sono pazzi!! Vorrei magari spun�� il barbiere mi blocca mentre parlo e dice con voce pi� forte e decisa � �E� che � giovanotto �ma che ci fa con sta massa di capelli con questo caldo� si fidi e dia retta ai suoi amici �. Io non le saprei consigliare meglio. li alleggeriamo un po� vedr� che con un taglio pi� corto avr� meno caldo e sara anche pi� pratico � le ragazze le correranno dietro lo stesso� stia tranquillo che facciamo un bel lavoro.�. Io continuo a farfugliare �: �ma, cazzo, me ne taglia un sacco , poi non sono abituato al corto ai tagli drastici��.

Il barbiere, ancora paziente gentilmente insiste:�Come ti chiami ?�  ed io  �Stefano� , e continua :�Stefano questo taglio per te e� gratis �. Omaggio della ditta tanto da stasera io chiudo per ferie � sta tranquillo e fidati�. Mi ringrazierai� Guarda, per non spaventarti troppo facciamo cosi � vedrai occhio non vede � cuore non duole �. � e di colpo prende la sedia e la ruota in una posizione tale da impedirmi di vedermi allo specchio. In questo modo, secondo lui, sarei stato pi� tranquillo e non avrei potuto vedere il momento in cui venivano tagliati i capelli.

Il barbiere teneva in mano la mia coda � aspettando una risposta � che tardava a venire �... Marco alla fine dice al barbiere un po� sorridendo : �Vada � se non se li lascia tagliare con le buone da lei, glieli taglio io!� e nel mentre dalla mensola prende un paio di forbici e comincia a farmele schioccare vicino alla coda�.

�Ok ok� rispondo io, �vada per il taglio corto, ma senza esagerare � la prego !�. IL barbiere lascia la coda che continuava a tenere nelle sue mani e mi dice �tranquillo!�.

A questo punto il taglio era deciso, avrebbe dovuto partire di li a poco. Il barbiere preparava gli attrezzi da lavoro mentre Giorgio e Marco si sedevano sulle sedie da attesa di fronte a me per godersi il taglio. Marco mi faceva il segno della stecca come ai militari � ed io gli rispondevo �fan culo�. Stronzo�.

Il barbiere si mette dietro di me � mancano pochi secondi e la mia coda sar� tagliata� Oramai la porto da quanto??? Da 6 � 8 anni � Ancora una massaggiata delle mani del barbiere sulla coda� �. Questa situazione e� eccitante per lui quanto per me �... allo spavento iniziale si fa strada il senso di godimento per la situazione �...

Zzzzzzzzzzzzzzzzzz � parte la tosatrice.  Il barbiere alza la coda per sottoporla al taglio; sistema meglio l�elastico che mi lega i capelli e posiziona la tosatrice nel punto da cui tagliare totalmente.  Marco e Giorgio incitano con un �OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO� ... la tosatrice inizia il suo lavoro ed il ronzio si fa pi� vivace. Sono un 15 � 20 secondi da dramma � il ronzio, io che non vedo che succede � Giorgio e Marco che incitano attendendo il taglio della coda.  Gradualmente sui lati vedo comparire le ciocche di capelli accorciate che mano a mano vengono in avanti liberate dall�elastico che le lega.  La tosatrice lavora ed il barbiere insiste per tagliare in modo netto e totale senza lasciare sbavature.

Il taglio della coda e� terminato ... il barbiere me la mette davanti agli occhi. Sono 40 cm buoni�.  Veramente un�esagerazione di capelli. Faccio una smorfia di stupore nel vedere tutta la lunghezza, neanche a me sembravano cosi lunghi�. Il barbiere con tono deciso mi dice : �Visto cosa avevi attaccato ??� poi porge la coda a Marco che esclama : �questo e� il nostro trofeo che stasera mostreremo ai colleghi�.

La prendo in ridere anche io perch� oramai e� andata: affrontiamo il taglio e via�

Il barbiere continua a lavorare con la tosatrice. Parte da dietro deciso dalla nuca a quasi sopra la testa. Non vedo i capelli che vengono tagliati ma  ad ogni passata sento la testa sempre pi� scoperta . Il ronzio della tosatrice e� eccitante e sordo quando viene sollevata dalla testa, mentre  diventa  vivace e rumoroso quando taglia i capelli. S� mi sento tosato come una pecora.  Dietro sento la nuca e la testa scoperta, davanti , dove la macchinetta non e� passata ho ancora delle lunghe ciocche di capelli che mi coprono le orecchie.

Il barbiere non tarda ad arrivare anche ai lati; un paio di colpi e le ciocche vengono eliminate. Vorrei potermi toccare i capelli con le mani per sapere la lunghezza ma non posso; la mantellina e� ricoperta di capelli di tutte le lunghezze�.

Manca ancora il ciuffo. Il barbiere si gira verso Marco e chiede: �Cosa dici facciamo a macchinetta anche qui ?�; Marco studia un po� la situazione poi dice � �Si dai � fai prima � qui sono gi� le 8 meno un quarto e tra poco dobbiamo vederci coi colleghi per andare a cena. Lasciagli solo la punta un po� pi� lunga � ma roba di un centimetro�.

Il barbiere senza neanche chiedermi nulla, cambia la protezione alla tosatrice e la passa anche sul mio capo. Mi cadono molti capelli sugli occhi. La tosatrice passa pi� volte.

Si spegne la tosatrice e si allenta la mia tensione. Il barbiere con il pennello mi toglie i capelli che ho sulla faccia e la mantellina, io mi alzo velocemente e mi giro verso lo specchio... Marco e Giorgio sono seri� il taglio e� drastico e sembro quasi un marines .  Mi passo una mano sulla testa, e la coda non c�e pi�.  al suo posto una peluria pungente.

Mi giro verso i ragazzi ... ho quasi le lacrime agli occhi per emozione e per la  gioia. Il barbiere mi guarda soddisfatto e dice: � sai di ragazzi come te quanti me ne capitano � hanno capelli lunghi entrano e vorrebbero un taglio corto � poi hanno paura �� allora bisogna andarci piano. Capisci che il loro desiderio e� andare sul corto� e quindi come dei bimbi per mano li devi accompagnare. Poi il risultato e� eccezionale � guardati� stai benissimo, tu sei un tipo da capelli corti non c�e dubbio. Fortuna che hai i tuoi amici che ti hanno dato una svegliata.. ma ti assicuro che questo taglio ERA NECESSARIO�.

Rido e mi continuo a toccare la sfumatura sulla nuca. Marco si avvicina e mi abbraccia dicendomi: �Sei stato grande, gran coraggio!� �

Fanno cenno di pagare il barbiere, ma lui rifiuta, il taglio e� gratis, poi ringrazio e con i miei amici usciamo� i colleghi ci aspettano ... stasera il festeggiato sono io.